Corso di organetto

CORSO ANNUALE DI ORGANETTO

– Giorni: Mercoledì e giovedì dalle 15:00
(orari da concordare singolarmente)

– Durata delle singole lezioni : 45 min oppure 60 min

– Cadenza delle lezioni: settimanale

Il corso prevede l’insegnamento delle principali tecniche esecutive proprie
dello strumento attraverso lo studio dei repertori della tradizione italiana ed europea e dei repertori di autore.

Il tipo di approccio allo strumento verrà stabilito insieme all’ allievo: un approccio di tipo orale (ove possibile), in cui lo strumento verrà “trasmesso” alla maniera tradizionale e un approccio più colto in cui, insieme alla tecnica specifica dello strumento, verranno forniti elementi di base di teoria e armonia musicale (tempo, ritmo, scale, armonia ecc).

1) Lavoro sullo strumento: presentazione, breve storia dell’organetto, analisi e descrizione dello strumento (tastiera dei bassi e del canto, mantice, uso della valvola di sfiato), vari esempi di tablature, esercizi preparatori.

2) Teoria musicale ed armonia: sistema temperato, studio delle principali scale e accordi presenti sullo strumento, pentagramma, partiture e notazione musicale specifica per organetto,

3) Repertori tradizionali italiani dal Piemonte alla Sicilia: saltarelli dell’Italia centrale, tarantella reggitana, tarantella di montemarano, tammuriata, pizzica salentina, saltarello romagnolo, sbrando, courente e gighe,cenni sulla musica
sarda.

4) Repertori tradizionali europei: valzer e mazurke francesi, fandango,
bourrée, scottish, polska, klezmer ebalcani, cenni sul repertorio irlandese

5) Repertori d’autore: analisi e studio dei repertori divari autori tra cui
Riccardo Tesi, Mario Salvi, Ciuma, Norbert Pignol e Stephane Milleret, YannTiersn, Andy Cutting, Marc Perrone, Stephane Delicq.

NB. I punti sopraelencati non rappresentano un ordine preciso di
insegnamento ma un elenco complessivo degli argomenti che verranno trattati durante il corso.

http://www.massimilianofelice.eu

CURRICULUM ARTISTICO – Massimiliano Felice
Inizia lo studio della chitarra classica all’età di quindici anni, dedicandosi, sotto la guida
del musicista Beppe Frattaroli, allo studio della teoria musicale e dell’armonia.
Comincia la sua attività professionale nel ’93, esibendosi con diverse formazioni di musica italiana d’autore e di matrice blues; nel ’95 si trasferisce ad Urbino, dove entra a far
parte della formazione acustica “Winter blue trio”, che propone un repertorio di genere
blues con spiccate sonorità mediterranee: durante questa esperienza inizia a comporre
brani strumentali che si arricchiscono attraverso l’incontro di musicisti provenienti dai
paesi del bacino mediterraneo.
Nel ’98 decide di tornare in Abruzzo dove inizia lo studio degli strumenti e del repertorio
musicale della tradizione popolare della sua regione: è in questo periodo che comincia un
percorso di ricerca, sia attraverso la conoscenza diretta e lo studio delle opere di autori
come A.De Nino, D.Di Virgilio, G. Profeta, C. Di Silvestre, sia attraverso l’incontro con i
portatori della tradizione musicale abruzzese e le registrazioni sul campo di canti e musiche appartenenti ad essa.
Così nel 2001 inizia, da autodidatta, lo studio dell’organetto diatonico a due bassi, dedicandosi all’approfondimento del repertorio e delle tecniche di esecuzione della musica di
tradizione popolare abruzzese, attraverso l’incontro con vari suonatori anziani d’Abruzzo.
Sempre nello stesso periodo si dedica alla composizione per il teatro: nel maggio 2001 in
duo con il percussionista Antonio Franciosa, partecipa e vince la II edizione del concorso
musicale “La notte delle paure. Luoghi e maschere della follia”, promosso dall’associazione teramana “I’Fere”. Nello stesso anno e con la stessa formazione viene chiamato a
comporre le musiche per la VII edizione del laboratorio teatrale “La notte delle paure”,
svoltosi nel comune di Valle Castellana (TE), diretto dal regista Ennio De Dominicis e per
lo spettacolo “Andrea C.” dell’associazione teatrale “Classe mista” di Sulmona (AQ), diretto dal regista Mario Fracassi.
Nel 2004 inizia a collaborare con la compagnia teatrale “Il Bagatto” di Montorio al Vomano (Te), curando le musiche dello spettacolo “Racconti di terre antiche”, regia di Maria
Rosaria Olori, e di diverse animazioni teatrali, dedicate alla riscoperta e valorizzazione
delle tradizioni culturali dell’Abruzzo.
Tra il 2007 ed il 2010 lavora:
insieme alla Nuova Orchestra SARM, come compositore e musicista in scena nello spettacolo ‘Na svojatura di Franco Berdini, prodotto dall’accademia di Belle Arti di Roma;
allo spettacolo, sempre come compositore e musicista in scena, La Barbiera di e con Letizia Letza per la regia di Sergio Valastro;
allo spettacolo Orti Insorti di Elena Guerrini, con cui partecipa al Taormina Film Festival;
allo spettacolo Boh?! di e con Letizia Letza;
allo spettacolo Lu grillu e la luna, di e con Francesco Salvadore e Maria Serena De Masi.
Dal 2007 fa parte stabilmente della compagnia teatrale Artistidea di Roma come attore,
compositore e musicista in scena; con la Compagnia ha preso parte a numerosi spettacoli a Roma e in Italia;
nel novembre 2017 lo spettacolo “Un tesoro di carta”, di cui scrive le musiche e a cui partecipa come tecnico di scena, viene selezionato per la fase finale della XXXVI edizione del
Festival Nazionale Teatro per ragazzi di Padova, uno dei più importanti festival italiani.

Nel 2002 estende il suo interesse all’organetto a otto bassi e, nel corso degli anni, frequenta stages e seminari con vari maestri, tra i quali Mario Salvi, Stefano “Ciuma” Del
Vecchio, Roberto Tombesi, Norbert Pignol, Stephane Milleret, Riccardo Tesi, perfezionando la propria tecnica e dando inizio ad un proprio percorso di ricerca sullo strumento che
gli è valso il premio speciale “P.Soprani” al concorso internazionale Città di Castelfidardo
nel 2005.
Tra il 2002 e il 2019 suona stabilmente con il gruppo abruzzese Ratablò (con cui realizza
nel 2009 il cd “Transubanda”) ed a Roma con Nuova Orchestra SARM, NeòsTrio, Blue
Reed, Progetto Migala, Pattes Partout, Zenìa – Folk Immaginario: con questi gruppi suona
in alcuni tra i maggiori festivals e rassegne in Italia ed Europa, tra cui: Venezia Balla (It),
SponzFest (IT), Berguedà Folk (Es), Vertanzt (CH), Tradicionarius (Es), MajellaEtnoFestival
(IT), IsolaFolk (IT), Balfolk Ratisbonne (DE), Festival Adriatico Mediterraneo (IT), Festival
“Tra il sole e la luna” (IT), Boombal (BE), Carsica Festival (IT), Festival “Muntagninjazz” (IT),
Festival “Di voci e di suoni” (IT), Markthalle (Ch), “Eclettica” Festival (IT), Reno Folk Fest
(It), Civitella Folk Festival (IT), Festival “Il sole, la Luna” (IT), Fuscaldo Diatonic Festival (IT).
Tra le altre cose si dedica all’insegnamento dell’organetto (2-8-18 bassi) e tiene corsi in
varie scuole di musica a Roma (tra le altre la Scuola popolare delle arti del CIP Alessandrino, dove oltre ad insegnare coordina la sezione “musica etnica”) a Latina (Isdam Arti
musicali), Umbria (Ass. Art Musique) e svolge seminari e stage (tra cui MajellaEtnoFestival
ed.2005/2010, Estadanza 2006, Scuola di musica popolare di Forlimpopoli (2011), Festina
Lente 2018, Fuscaldo Diatonic Festival 2019).
Collabora inoltre occasionalmente con vari gruppi musicali e compagnie teatrali.
Si dedica, parallelamente, alla composizione per organetto: tra il 2007 e il 2016 pubblica il
cd “Sponde” con la Nuova orchestra SARM (allegato a World Music Magazine per gli abbonati della rivista), il cd Transubanda con Ratablò (finanziato dalla Provincia dell’Aquila), i
cd Vol.1 e Vol.2 con Blue Reed e il cd “Neòs Trio” con NeòsTrio.
E’ attualmente in fase di lavorazione il nuovo cd di Zenìa – Folk Immaginario

http://www.massimilianofelice.eu

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *